Ora per ora:

ferma lo scorrimentomostra tutte le notizie

In Primo Piano

Il presidente del Corecom Lazio, Michele Petrucci, è intervenuto stamane in audizione presso la Commissione di vigilanza sul pluralismo dell'informazione, rispondendo alla convocazione dl Presidente Cangemi.Oggetto dell'intervento l'illustrazione del documento predisposto dall'Osservatorio di Pavia riportante i dati del monitoraggio del pluralismo politico della TGR del Lazio nel trimestre Aprile - Giugno 2014. Secondo Petrucci, il documento - trasmesso al Corecom dall'Autorità Garante per le comunicazione - conferma che la programmazione è risultata sostanzialmente in linea con quanto prescritto dalle norme sulla cd "par condicio", come peraltro confermato dal mancato ricevimento di istanze di violazione riguardanti l'informazione radiotelevisiva da parte del Corecom".
A tal riguardo, Petrucci ha affermato che "i dati quantitativi devono essere letti e analizzati alla luce della situazione specifica di ciascuna regione , come peraltro avverte lo stesso Osservatorio di Pavia nella parte introduttiva del documento ("Criteri di analisidei dati relativi al monitoraggio TGR")".
"In particolare - ha precisato Petrucci - ai fini della valutazione dell'equilibrio informativo ("cd par condicio") e del rispetto della legge 28/2000 con riferimento alla tornata elettorale 2014 (periodo 10 aprile -5 giugno) - occorre ponderare differentemente il tempo dedicato alle cariche istituzionali e di governo regionale e territoriale, che amministrano regioni o comuni in cui non si è votato la cui presenza va riferita prevalentemente alla informazione sulle iniziative delle attività amministrativa e di governo" .
In chiusura del suo intervento,il Presidente Petrucci ha ribadito che "Il Corecom Lazio ha svolto al meglio il proprio compito di vigilanza e garanzia e che, in occasione delle prossime tornate elettorali, al fine di individuare criteri e modalità specifiche e coerenti con la realtà della nostra regione, ha la necessità di effettuare ed intende effettuare "in proprio" tale monitoraggio, affidando cioè direttamente questo tipo di attività potenzialmente delicata, in quanto di garanzia, a società specializzate. Ciò anche, visto il rilevante e continuativo impegno che esso richiede, al fine di poter intervenire immediatamente sulle eventuali anomalie e violazioni al periodo di par condicio che si dovessero presentare". 
Infine , il presidente del Corecom ha comunicato alla Commissione che sono stati nominati la dottoressa Cinzia Felci e il dottor Aurelio Lo Fazio, rispettivamente Direttore del Servizio coordinamento amministrativo delle strutture di supporto degli organismi autonomi (tra i quali c'è anche il Corecom) la prima e dirigente del Corecom Lazio il secondo. Con l'augurio di buon lavoro ai nuovi dirigenti, Petrucci ha espresso "vivo apprezzamento" e il suo ringraziamento al Segretario generale del Consiglio regionale, il dottor Antonio Calicchia, che "ha accompagnato il Corecom Lazio con passione e competenza, consentendogli di superare un periodo di difficoltà e di porre le basi per il rilancio che il Comitato ha attivato.".


Roma, 19 settembre 2014