STRUTTURA - NORMATIVA

 

L'attività in materia di monitoraggio riguarda il controllo del rispetto della normativa vigente in materia di programmazione da parte delle emittenti locali e si attua attraverso il monitoraggio delle trasmissioni, la verifica del loro contenuto e l'eventuale avvio e istruzione dei procedimenti finalizzati alla sanzione delle violazioni.


Gli ambiti oggetto dell'attività di monitoraggio e vigilanza sono:

  1. Obblighi di programmazione, relativa al controllo del rispetto da parte delle emittenti di tutti gli obblighi cui esse sono soggette dalla normativa vigente in tema di programmazione anche in merito alla concessione governativa di cui sono titolari;
  2. Pubblicità, relativa al controllo del rispetto da parte delle emittenti della normativa in riferimento alla trasmissione dei messaggi pubblicitari con particolare attenzione all'affollamento, al posizionamento e ai divieti;
  3. Tutela dei minori e garanzie dell'utenza, relativa al rispetto da parte delle emittenti delle disposizioni legislative in materia e, nello specifico, dei codici dedicati (TV e Minori, Media e Sport e Rappresentazioni vicende giudiziarie);
  4. Rispetto del pluralismo socio-politico, relativo all'osservanza da parte delle emittenti dei principi generali posti a base dell'esercizio della comunicazione radiotelevisiva. Quest'area si suddivide in ulteriori due ambiti:
  • il rispetto del pluralismo socio-culturale che prevede la presenza nella programmazione dei soggetti appartenenti a diverse correnti sociali, culturali, religiose e politiche;
  • il rispetto del pluralismo politico-istituzionale che è specificatamente riferito ai soggetti politici e istituzionali regolato dalle disposizioni sulla cd par condicio.

Per maggiori informazioni scarica il Vademecum a cura del dell'Ufficio di Gabinetto dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni.


 

 

21

Giu 2017

Petrucci a Radiocolonna.it " Per le emittenti locali, l'unica strada per uscire dalla crisi è cogliere le opportunità del multimediale"

“In una regione composita, ma anche ricca di opportunità, bisogna essere in grado di cambiare linguaggi. Le TV locali devono diventare anche fornitrici di servizi" è quanto dichiarato dal Presidente del Corecom Petrucci a Radiocolonna.it (link http://www.radiocolonna.it/osservatorio-sulla-capitale/2017/06/15/antenne-a-mezzasta-nel-lazio/) 

15

Giu 2017

Aboliti gli extracosti delle tariffe per il roaming all'interno della UE

Da oggi i consumatori europei che viaggiano all’interno del territorio dei Paesi comunitari, possono comunicare senza più dover non sostenere  gli extra costi per le tariffe del roaming. Comunicato Ascolta l'intervista del Presidente Petrucci - Teleradiostereo

01

Giu 2017

"Bene la nuova legge sul cyberbullismo. Il Corecom, intensificherà le iniziative di media education avviata da tre anni nel Lazio".

Intervista a Michele Petrucci, presidente Corecom Lazio per capire il significato della legge da poco approvata. Di Oriana Maerini Da pochi giorni è stata approvata la legge sul Cyberbullismo ma pochi sanno che nel Lazio esisteva già una  legge  regionale che, prima in Italia, grazie alla quale è stata messa in atto, già da tre anni, soprattutto nelle scuole. Per saperne di...

26

Mar 2017

Il Co.Re.Com Lazio al Salone della Giustizia 2017: prevenzione e formazione per contrastare il cyberbullismo

Si è svolto, in occasione dell’edizione 2017 Salone della Giustizia incontro, il workshop “Minori: quali tutele” che ha visto la Sala Cassarà, gremita di esperti, professionisti e autorevoli testimoni discutere su un tema di sempre più pressante attualità: cosa fare e come per contrastare il fenomeno de cyber bullismo, sempre più diffuso anche nel Lazio. L’incontro, esempio concreto di...