ACCESSO RADIOTELEVISIVO

Ai sensi della legge nazionale 14 aprile 1975, n.103, in materia di "diffusione radiofonica e televisiva”, è consentito l'accesso ai programmi RAI a diffusione regionale anche ai soggetti organizzati sul territorio regionale. Si tratta di un mezzo che permette ai vari soggetti interessati di comunicare, attraverso trasmissioni autogestite, le proprie attività. Il Corecom, in base alla Legge 103 del 1975, organizza l'accesso dei soggetti sulla base del regolamento approvato con deliberazione del Comitato n.107 dell’08 giugno 2015.

Come stabilito nel protocollo di intesa siglato tra Corecom Lazio e RAI, tali programmi prevedono la messa a disposizione, all’interno della programmazione della RAI Regionale, di uno spazio per attività di comunicazione ai soggetti collettivi (associazioni culturali, partiti, enti locali, sindacati, gruppi etnici e linguistici, confessioni religiose, ecc.) che ne fanno richiesta. I programmi devono essere prodotti in lingua italiana e possono essere realizzati in modo autonomo o con il supporto tecnico gratuito della sede regionale della RAI. Il Corecom esamina le richieste di accesso, ne valuta l’ammissibilità, stila una graduatoria e delibera i piani trimestrali delle trasmissioni radiofoniche e televisive, ripartendo tra i soggetti ammessi il tempo effettivo messo a disposizione dalla sede regionale della RAI. Svolge inoltre, unitamente alla RAI, attività di vigilanza sul rispetto degli impegni assunti dai soggetti ammessi all’accesso e sull’esecuzione dei piani trimestrali approvati.

COME INOLTRARE LA DOMANDA

I soggetti interessati devono presentare domanda attraverso l’apposito modulo che trovate di seguito al regolamento scaricabile qui. Le domande possono essere inoltrate al Corecom Lazio, Via Lucrezio Caro, 67 - 00193 Roma - secondo una sola delle due seguenti modalità:

- Invio a mezzo raccomandata A/R;

- Invio a mezzo posta certificata con firma digitale: corecomlazio.tv@cert.consreglazio.it;

Le domande posso pervenire in qualsiasi momento dell’anno in applicazione delle scadenze trimestrali, come previsto dal Regolamento:

Primo Trimestre (01 gennaio – 31 marzo) – Le domande verranno accolte entro e non oltre il 28 febbraio.

Secondo Trimestre (01 aprile - 30 giugno) - Le domande verranno accolte entro e non oltre il 31 maggio.

Terzo Trimestre (01 luglio - 30 settembre) – Le domande verranno accolte entro e non oltre il 31 agosto.

Quarto Trimestre (01 ottobre - 31 dicembre) – Le domande verranno accolte entro e non oltre il 30 novembre.

 

E' STATA APPROVATA CON DECRETO 111/19/CRL/COM LA GRADUATORIA PER L' ACCESSO AI PROGRAMMI. 

GRADUATORIA ACCESSO TELEVISIVO TERZO TRIMESTRE 2019 (Luglio-Settembre)

 

 

Scarica qui  il regolamento con il modulo per presentare la domanda

Scarica qui  la liberatoria per il materiale

Scarica qui  la liberatoria per i minori

 

 

23

Lug 2021

Obbligo PEC per giornalisti

“Il Decreto legge 76/2020 ha introdotto delle sanzioni per gli iscritti agli albi professionali che non hanno ancora attivato o comunicato la PEC, ovvero la posta elettronica certificata Il Decreto prevede adesso che “qualora l’iscritto non comunichi il proprio indirizzo PEC al Consiglio dell’Ordine di appartenenza, quest’ultimo lo diffida ad adempiere entro trenta giorni al predetto obbligo....

08

Lug 2021

RAI E CORECOM LAZIO: FIRMATO IL PROTOCOLLO PER I PROGRAMMI DELL’ACCESSO

  È stato firmato oggi tra il CORECOM LAZIO, nella persona della Presidente Maria Cristina Cafini, e la RAI, rappresentata dal Chief Operations Officer Roberto Cecatto e dal Direttore della Radio Roberto Sergio, il Protocollo d’intesa per i programmi dell’accesso.  Un passo importante per semplificare e favorire la partecipazione dell’associazionismo, del...

18

Giu 2021

Convegno Le Fake News: La Rete tra Responsabilità e Libertà

Le Fake News: La Rete tra Responsabilità e Libertà Lunedi 21 giugno 2021 ore 17,30 online sulla pagina Facebook del Corecom Lazio

16

Giu 2021

Pubblicato il libro di Andrea Camponi

      Pubblicato il libro di Andrea Camponi La Garanzia del Pluralismo dell’Informazione nelle Istituzioni regionali. Il caso Lazio Dalla Commissione di Vigilanza al Testo Unico in materia di Informazione e Comunicazione il libro è scaricabile al link