PRESENTARE UN'ISTANZA - STRUTTURA - NORMATIVA

PROVVEDIMENTI TEMPORANEI IN CASO DI ABUSO O DI SCORRETTO FUNZIONAMENTO

Significato

In caso di distacco della linea, o di malfunzionamento o di abuso che inibisce la fruizione del servizio su qualunque tipo di utenza fissa o mobile, si può chiedere al Corecom Lazio di adottare provvedimenti temporanei per la riattivazione o per il ripristino del servizio, o per la cessazione dell'abuso in corso.

Competenza territoriale
Presso il Corecom Lazio si può presentare istanza per provvedimento temporaneo per malfunzionamenti o abusi relativi a utenze a postazione fissa ubicate nel Lazio, e per utenze mobili se è nel Lazio il domicilio (o residenza o sede legale) dell'utente al momento della sottoscrizione del contratto.

Vincoli
E' strettamente necessario, per promuovere questa istanza, che l'utente abbia anche presentato istanza per tentativo di conciliazione (presso il Corecom Lazio, o altri organismi autorizzati) sulla medesima contestazione, e che il procedimento non sia ancora conclusa; a pena d'inammissibilità dell'istanza per il provvedimento, alla domanda va allegata copia dell'istanza di conciliazione

La domanda, a pena di inammissibilità, deve essere sottoscritta dall'utente direttamente o, per le persone giuridiche, dal rappresentante legale (qualora l'istanza venga sottoscritta da un rappresentante, quest'ultimo deve essere - a pena di inammissibilità - munito di procura speciale, conferita con atto pubblico o con scrittura privata autenticata); altresì, a pena d'inammissibilità, la domanda deve essere corredata da copia dell'istanza per tentativo di conciliazione presentata (al Corecom Lazio o altro organismo autorizzato) prima della domanda stessa o contestualmente ad essa.

Il Corecom, verificata l'ammissibilità della domanda, avvia il procedimento relativo, che quindi ha per obiettivo la cessazione dell'abuso o del disservizio in corso o comunque la messa in luce delle cause accertabili dello stato lamentato dall'utente.

CINQUE PUNTI IMPORTANTI

gratuità
Il procedimento per provvedimento temporaneo dinanzi al Corecom è gratuito; la sola cosa che dovrete pagare sarà il costo delle fotocopie, nel caso in cui vi occorresse farne presso il nostro ufficio.

tempistica
Entro cinque giorni dalla presentazione della domanda, l'ufficio trasmette al gestore una richiesta di osservazioni sul lamentato; ed entro dieci giorni complessivi dalla presentazione della domanda si adotta il provvedimento di urgenza per la cessazione del disservizio o dell'abuso, oppure la si rigetta in considerazione delle osservazioni del gestore in replica.

possibilità
Quindi, in seguito a una domanda di provvedimento dichiarata ammissibile, possono darsi le seguenti possibilità: il gestore sospende il malfunzionamento o l'abuso al solo ricevere la richiesta di osservazioni da parte dell'ufficio; il gestore risponde con osservazioni che giustificano il suo comportamento, e dunque il procedimento si chiude senza adozione del provvedimento; il gestore risponde con osservazioni insufficienti, e quindi l'ufficio adotta il provvedimento perché l'abuso cessi immediatamente.

integrazioni
Su impulso anche preventivo dell'utente, e comunque alla luce dell'istruttoria in corso, l'ufficio può estendere il procedimento anche verso altri gestori oltre quello indicato come principale controparte dall'utente nella propria istanza.

sanzioni
Nel caso in cui il gestore non dia seguito efficace al provvedimento adottato, il Corecom segnala l'inadempienza all'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, per le eventuali sanzioni del caso.

La disciplina vigente è integralmente riportata in delibera


Importante - STATO AVANZAMENTO LAVORI

I funzionari incaricati del servizio avranno cura di mettere gli utenti a conoscenza dello 'stato avanzamento lavori attraverso la piattaforma conciliaweb.

Gli orari di assistenza degli utenti è visionabile alla pagina contattaci.




23

Lug 2021

Obbligo PEC per giornalisti

“Il Decreto legge 76/2020 ha introdotto delle sanzioni per gli iscritti agli albi professionali che non hanno ancora attivato o comunicato la PEC, ovvero la posta elettronica certificata Il Decreto prevede adesso che “qualora l’iscritto non comunichi il proprio indirizzo PEC al Consiglio dell’Ordine di appartenenza, quest’ultimo lo diffida ad adempiere entro trenta giorni al predetto obbligo....

08

Lug 2021

RAI E CORECOM LAZIO: FIRMATO IL PROTOCOLLO PER I PROGRAMMI DELL’ACCESSO

  È stato firmato oggi tra il CORECOM LAZIO, nella persona della Presidente Maria Cristina Cafini, e la RAI, rappresentata dal Chief Operations Officer Roberto Cecatto e dal Direttore della Radio Roberto Sergio, il Protocollo d’intesa per i programmi dell’accesso.  Un passo importante per semplificare e favorire la partecipazione dell’associazionismo, del...

18

Giu 2021

Convegno Le Fake News: La Rete tra Responsabilità e Libertà

Le Fake News: La Rete tra Responsabilità e Libertà Lunedi 21 giugno 2021 ore 17,30 online sulla pagina Facebook del Corecom Lazio

16

Giu 2021

Pubblicato il libro di Andrea Camponi

      Pubblicato il libro di Andrea Camponi La Garanzia del Pluralismo dell’Informazione nelle Istituzioni regionali. Il caso Lazio Dalla Commissione di Vigilanza al Testo Unico in materia di Informazione e Comunicazione il libro è scaricabile al link