STRUTTURA - NORMATIVA

***AGGIORNAMENTI***

 

17 maggio 2017 - AVVISO AGLI OPERATORIAi sensi dell’art. 11 dell’allegato A alla delibera n. 666/08/CONS e s.m.i. (Regolamento), i soggetti iscritti al Registro degli operatori di comunicazione (ROC) sono tenuti a trasmettere annualmente una comunicazione annuale mediante la quale dichiarano che i dati comunicati all’atto della presentazione della domanda di iscrizione sono rimasti invariati oppure provvedono a comunicarne l’aggiornamento.

 

13 febbraio 2017 - A seguito dell’entrata in vigore, in data 1° gennaio 2017, della legge 11 dicembre 2016, n. 232, è stato sostituito l’articolo 24 bis del decreto legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134,  prevedendo, al comma 11, che “tutti gli operatori economici che svolgono attività di call center su numerazioni nazionali devono, entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente disposizione, iscriversi al Registro degli operatori di comunicazione di cui alla delibera dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, comunicando, altresì, tutte le numerazioni telefoniche messe a disposizione del  pubblico  e  utilizzate  per  i servizi di call center. L’obbligo di iscrizione sussiste anche a carico dei soggetti terzi affidatari dei servizi di call center e deve essere contemplato nel contratto di affidamento del servizio”.

Pertanto, si è proceduto a modificare la delibera n. 666/08/CONS con la delibera n. 1/17/CONS, in corso di pubblicazione sul sito internet dell’Autorità, che prevede l’obbligo, in capo agli operatori economici esercenti l’attività di call center nonché ai soggetti terzi affidatari dei servizi di call center, di iscriversi al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge 11 dicembre 2016, n. 232, mediante accesso all’indirizzo www.impresainungiorno.gov.it attraverso l’utilizzo della Carta Nazionale dei Servizi (CNS).

Faq esplicative

 

30 gennaio 2017 - E' stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana la legge 26 ottobre 2016, n. 198, recante “Istituzione del Fondo per il pluralismo e l'innovazione dell'informazione e deleghe al Governo per la ridefinizione della disciplina del sostegno pubblico per il settore dell'editoria e dell'emittenza radiofonica e televisiva locale, della disciplina di profili pensionistici dei giornalisti e della composizione e delle competenze del Consiglio nazionale dell'Ordine dei giornalisti. Procedura per l'affidamento in concessione del servizio pubblico radiofonico, televisivo e multimediale”, entrata in vigore il 15 novembre 2016.

Con la predetta legge è stata apportata una modifica all’art. 1 della legge 7 marzo 2001, n. 62, cui viene aggiunto il comma 3 bis, nel quale viene inserita la definizione di quotidiano on line, che prevede, tra le altre cose, che lo stesso sia regolarmente registrato presso una cancelleria di Tribunale.

Alla luce della nuova disposizione, la registrazione al Tribunale costituisce un requisito per configurare una testata come quotidiano on line in aggiunta all’iscrizione dell’impresa presso il ROC. La legge n. 198/2016 prevede che tale disposizione decorra dal 1° gennaio 2017.

Pertanto, le imprese editrici che editano quotidiani on line sono tenute a registrare la testata presso la cancelleria del Tribunale competente e successivamente a trasmettere la domanda di iscrizione al ROC. A questi editori non si applica quanto disposto dall'art. 3-bis, comma 1, del d.lgs. 63/2012 come convertito dalla legge n. 103/2012.

Con riferimento alle imprese editrici che editano testate periodiche on line, restano ferme le disposizioni attualmente vigenti del predetto articolo 3-bis, comma 1, del d.lgs. 63/2012.

 

15 luglio 2016 - Delibera n. 308/16/CONS Modifiche alla delibera n. 666/08/CONS La delibera 308/16/CONS ha modificato la delibera n. 666/08/CONS, ed in particolare ai modelli 21/ROC e 24/ROC, nonché all’allegato B alla predetta delibera, al fine di migliorare gli strumenti utilizzati dalla Direzione Infrastrutture e servizi media nell’ambito dell’attività di verifica del rispetto dei limiti anticoncentrativi sul numero di autorizzazioni alla fornitura dei programmi televisivi nazionali e locali, di cui all’art. 23 dell’allegato A alla delibera n. 353/11/CONS recante “Nuovo regolamento relativo alla radiodiffusione televisiva terrestre in tecnica digitale”.

Dal 1° settembre 2016 al 30 settembre 2016 i fornitori di servizi media audiovisivi e gli operatori di rete trasmettono in via sperimentale, tramite il portale www.impresainungiorno.gov.it (accesso tramite Carta Nazionale dei Servizi – CNS), una comunicazione di variazione al ROC compilando i modelli 21/ROC e 24/ROC così come modificati dalla predetta delibera.

Linee guida per la compilazione

Tale comunicazione di variazione dovrà essere effettuata a prescindere dagli altri adempimenti previsti dal Regolamento, ovvero eventuali successive variazioni e alla comunicazione annuale, così come previsto dagli articoli 10 e 11 dell’Allegato A alla delibera n. 666/08/CONS

 

15 luglio 2016 - AVVISO È possibile inviare la comunicazione all’Informativa Economica di Sistema (IES) dal 1 giugno al 31 luglio 2016. 

Fino al 31 luglio 2016 è possibile inviare la comunicazione alla IES. Per scaricare il modello e le relative istruzioni alla compilazione, nonché per ogni altro tipo di informazione relativa alla Informativa Economica di Sistema, si rimanda al sito AGCOM http://www.agcom.it/informativa-economica-di-sistema-ies 

È possibile inviare la comunicazione all’Informativa Economica di Sistema (IES) dal 1 giugno al 31 luglio 2016.

La comunicazione alla IES è una dichiarazione annuale cui sono obbligati tutti coloro che operano nel settore dei media: gli operatori di rete, i fornitori di un bouquet di programmi pay tv, i fornitori di servizi di media audiovisivi o radiofonici, i fornitori di servizi interattivi associati e/o di servizi di accesso condizionato, i soggetti esercenti l’attività di radiodiffusione, le imprese concessionarie di pubblicità (ivi compresi i soggetti che esercitano attività di pubblicità on line e pubblicità cinematografica), le agenzie di stampa a carattere nazionale (ivi compresi i soggetti i cui notiziari siano distribuiti in abbonamento, a titolo oneroso, qualunque sia il mezzo di trasmissione utilizzato, ad almeno un editore a carattere nazionale che realizzi un prodotto ai sensi della legge n. 62 del 2001), gli editori, anche in formato elettronico, di giornali quotidiani, periodici o riviste, altre pubblicazioni periodiche ed annuaristiche e altri prodotti editoriali.

L'adempimento consiste nella compilazione di un modello elettronico, disponibile sul sito web dell’Autorità www.agcom.it, nella sezione “Informativa Economica di Sistema”, e nell'invio dello stesso da un indirizzo di posta elettronica certificata all'indirizzo: ies@cert.agcom.it.  

Sono esentati dall’obbligo dell’invio della Informativa Economica di Sistema solo i soggetti che, pur obbligati nell’ambito della suddetta normativa, abbiano, nell’anno di riferimento, ricavi totali, incluse le provvidenze pubbliche e le convenzioni con soggetti pubblici, riferibili alle attività rilevate dall’Informativa Economica di Sistema, pari a zero euro.

Per scaricare il modello e le relative istruzioni alla compilazione, nonché per ogni altro tipo di informazione relativa alla Informativa Economica di Sistema, si rimanda al sito AGCOM (www.agcom.it).

Si ricorda che, ai sensi della delibera 397/13/CONS e s.m.i., l’Informativa Economica di Sistema costituisce un preciso obbligo per tutti gli operatori di cui all’art.1 della stessa delibera. L’eventuale inadempimento è pertanto sanzionabile ai sensi dell’art. 6, della stessa delibera.

Restano ovviamente fermi gli altri obblighi, in capo ai soggetti in questione, quale la comunicazione annuale al Registro degli operatori di comunicazione (ROC).

Per qualsiasi ulteriore chiarimento è possibile scrivere a: info_ies@agcom.it

 

13 aprile 2016 - Avviso per gli Operatori ROC - Come è noto, tutti i soggetti iscritti al ROC sono tenuti per legge ad effettuare la comunicazione annuale con riferimento all'anno solare precedente, anche nel caso in cui non si siano verificate variazioni di nessun genere. 

Per tanto, gli operatori in elenco che non trasmetteranno, ai sensi dell'art. 11 del Regolamento, la comunicazione annuale telematica 2016, relativa all’anno 2015, verranno cancellati d’ufficio dal ROC in data 1° ottobre 2016 in conformità a quanto disposto ai sensi del predetto art. 12, comma 2, del Regolamento. 

La presente pubblicazione ha valore di notifica agli interessati ai sensi dell'art. 12, comma 2, del citato Regolamento.

 

18 febbraio 2015 - Nuove modalità di accesso ai servizi ROC e al Catasto Nazionale delle Frequenze leggi l'avviso

 

4 dicembre 2012: le imprese che intendano richiedere i contributi per l'editoria per l'anno 2012 sono tenute ad effettuare la comunicazione annuale entro il 31 gennaio 2013 con assetti riferiti all'anno 2012. Per maggiori dettagli leggi qui.

 

17 ottobre 2012: a partire dalla data odierna, nel rispetto del Regolamento emanato dall'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AgCom), non potranno essere accolte le domande di iscrizione pervenute in forma cartacea. Si prega pertanto di prendere visione delle istruzioni su come effettuare la richiesta di iscrizione online.

 

16 ottobre 2012: è operativo il nuovo sistema ROC, integrato al portale impresainungiorno.gov.itgestito da Unioncamere (Unione italiana delle camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura). Per saperne di più leggi qui.

 


 

COS'E' IL ROC
Il Registro degli operatori di Comunicazione è un registro unico degli operatori di comunicazione istituito dall'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AgCom) e gestito dal Corecom Lazio nell'ambito territoriale della regione.

Tutti gli operatori aventi sede legale nella Regione Lazio dovranno pertanto rivolgersi al Corecom Lazio per gli adempimenti legati al ROC.

IL REGOLAMENTO ROC
Il regolamento che disciplina il funzionamento e la tenuta del ROC è stato emanato dall'AgCom con delibera n. 666/08/CONS e successivamente modificato con le seguenti delibere: 608/10/CONS, 283/11/CONS,44/12/CONS, 393/12/CONS556/12/CONS398/13/CONS e 308/16/CONS.




 
 


   

21

Giu 2017

Petrucci a Radiocolonna.it " Per le emittenti locali, l'unica strada per uscire dalla crisi è cogliere le opportunità del multimediale"

“In una regione composita, ma anche ricca di opportunità, bisogna essere in grado di cambiare linguaggi. Le TV locali devono diventare anche fornitrici di servizi" è quanto dichiarato dal Presidente del Corecom Petrucci a Radiocolonna.it (link http://www.radiocolonna.it/osservatorio-sulla-capitale/2017/06/15/antenne-a-mezzasta-nel-lazio/) 

15

Giu 2017

Aboliti gli extracosti delle tariffe per il roaming all'interno della UE

Da oggi i consumatori europei che viaggiano all’interno del territorio dei Paesi comunitari, possono comunicare senza più dover non sostenere  gli extra costi per le tariffe del roaming. Comunicato Ascolta l'intervista del Presidente Petrucci - Teleradiostereo

01

Giu 2017

"Bene la nuova legge sul cyberbullismo. Il Corecom, intensificherà le iniziative di media education avviata da tre anni nel Lazio".

Intervista a Michele Petrucci, presidente Corecom Lazio per capire il significato della legge da poco approvata. Di Oriana Maerini Da pochi giorni è stata approvata la legge sul Cyberbullismo ma pochi sanno che nel Lazio esisteva già una  legge  regionale che, prima in Italia, grazie alla quale è stata messa in atto, già da tre anni, soprattutto nelle scuole. Per saperne di...

26

Mar 2017

Il Co.Re.Com Lazio al Salone della Giustizia 2017: prevenzione e formazione per contrastare il cyberbullismo

Si è svolto, in occasione dell’edizione 2017 Salone della Giustizia incontro, il workshop “Minori: quali tutele” che ha visto la Sala Cassarà, gremita di esperti, professionisti e autorevoli testimoni discutere su un tema di sempre più pressante attualità: cosa fare e come per contrastare il fenomeno de cyber bullismo, sempre più diffuso anche nel Lazio. L’incontro, esempio concreto di...