La relazione presentata dall'assessore regionale allo Sviluppo economico Guido Fabiani, che prevede lo stanziamento di 1.6 milioni di euro di fondi destinati alle iniziative concernenti il sostegno all'editoria del Lazio è stato accolto, senza osservazioni, nell’audizione di oggi in commissione Vigilanza sul pluralismo dell’informazione, presieduta da Giuseppe Emanuele Cangemi.

“Un lavoro predisposto con la collaborazione del Corecom Lazio – ha spiegato l’assessore Fabiani –  che vede coinvolti tutti gli stakeholders. Pronto il cronoprogramma, a novembre l’avviso pubblico rivolto ai soggetti beneficiari, per la prima linea di interventi”.

“Impianto condivisibile”, ha dichiarato il presidente del Corecom Lazio, Michele Petrucci, rinnovando l’impegno a il supportare Giunta e Consiglio. Il presidente Giuseppe Cangemi ha raccomandato l’equa distribuzione delle risorse con particolare attenzione tra quello che sarà destinata ai beni strumentali e quelle che andranno a integrare i voucher del lavoro e la progettualità. “Cercare di non disperdere le poche risorse in mille rivoli” è stata, invece, la raccomandazione di Marta Bonafoni (Insieme per il Lazio), che ha chiesto una particolare attenzione ai contratti di formazione e lavoro. La relazione della Giunta contiene la ripartizione dei 1.600.000 euro, suddivisi tra parte corrente e in contro capitale. Per l’anno 2017 e 2018 saranno destinate risorse fino a 600 mila euro con il Fondo per il sostegno del pluralismo dell’informazione e della comunicazione istituzionale, parte corrente, cui vanno aggiunte le risorse in conto capitale, pari a 1 milione di euro. Nella relazione si trova anche un dettagliato cronoprogramma e i beneficiari destinatari degli interventi. Si tratta di interventi a favore delle emittenti televisive e radiofoniche locali, della distribuzione locale della stampa quotidiana e periodica, nonché delle emittenti radiotelevisive e testate online locali, anche in relazione al regolamento regionale. 

Due le principali linee di intervento previste: la linea di intervento uno cui saranno destinati 1.300.000 euro  per emittenze televisive digitale terrestre o diffusione internet, emittenza radiofonica con trasmissione di segnale con tecnologica analogica o digitale. Satellitare stampa quotidiana e periodica locale e agenzie di stampa. Sempre nella linea di intervento uno rientrano i soggetti pubblici o privati non aventi finalità di lucro che svolgono attività di informazione e inclusione sociale. La linea di intervento due, cui sono destinati 300.000 euro, prevede analisi di settore, piano degli interventi con l’individuazione delle forme di sostegno e un cronoprogramma di incontri con le associazioni di categoria, così come proposto dal Corecom Lazio e accolto dalla Giunta.  

22

Ott 2020

CORECOM LAZIO E GARANTE DELL’INFANZIA DEL LAZIO INSIEME PER IL CONCORSO NAZIONALE “RILEGGIAMO L’ARTICOLO 34 DELLA COSTITUZIONE”

Roma, 22 ottobre 2020 Il Corecom Lazio e il Garante dell’Infanzia e dell’Adolescenza del Lazio hanno deciso di sostenere il Concorso nazionale “Rileggiamo l’articolo 34 della Costituzione” promosso per l’anno scolastico 2020/2021 dal Ministero dell’Istruzione, dall’Associazione Articolo 21, dalla Federazione Nazionale della Stampa Italiana, dalla Rai -Radiotelevisione Italiana, dall’Associazione...

16

Ott 2020

Il Comitato incontra l'ANCI Lazio

Venerdì 9 ottobre, nella sede di ANCI Lazio, si è svolta la riunione conoscitiva tra i vertici dell’associazione e la nuova presidente di CO.RE.COM Lazio, l’avvocato Maria Cristina Cafini. I Corecom sono presenti in ogni regione italiana e nelle province  di Trento e di Bolzano ed hanno il compito di assicurare a livello territoriale regionale una serie di funzioni a tutela dei cittadini,...

12

Ott 2020

CORECOM E GARANTE DELL’INFANZIA DEL LAZIO: “PIÙ FONDI ALLE FAMIGLIE PER LA DIDATTICA A DISTANZA”

Roma, 12-10-2020 Il Corecom Lazio e il Garante dell’Infanzia e dell’Adolescenza del Lazio, in una lettera a firma congiunta, chiedono lo stanziamento di nuovi fondi per aiutare le famiglie indigenti nell'acquisto di dispositivi mobili e consentire la didattica a distanza dei propri figli.La lettera è stata inviata al Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, al Presidente del Consiglio...