Corecom membriRoma, 22 febbraio 2019 - Il  presidente del Comitato regionale delle comunicazioni,  Michele Petrucci, è stato udito dalla Commissione III di vigilanza sul pluralismo dell’informazione alla quale, così come prevede la normativa regionale, ha illustrato  le linee guida della relazione sull’attività svolta nel 2018, che sarà  presentata al Consiglio regionale.

Su invito del Presidente Barillari, Petrucci ha colto anche l’occasione per richiamare i punti principali della Programmazione per il 2019 e tracciare  un primo bilancio dei cinque anni di mandato durante il quale: “è stato proseguito il rilancio del Corecom, avviato da Francesco   Soro”.
Petrucci ha affermato  che “nella risoluzione stragiudiziale delle controversie di telefonia, in cinque anni, anche grazie alle campagne di informazione pubblica svolte, sono praticamente raddoppiate le istanze di conciliazione annue arrivando a oltre 14.000 nel 2018”. Un dato che, combinato anche con le decisioni assunte dal Comitato, ha fatto sì che  “lo scorso anno sono stati riconosciuti, a cittadini e imprese del Lazio, indennizzi e rimborsi per oltre 3,8 milioni di euro”.

Risultati  testimoniati anche da una rilevazione Eures per la quale circa il 94% di coloro che si sono rivolti  al Corecom  si dicono  soddisfatti: una  percentuale altissima, secondo Petrucci, considerato che “volumi così elevati di controversie rendono fisiologica  una  quota minima di insoddisfazione prevalentemente dovuta al verificarsi di  maggiori  tempistiche di risoluzione  a loro volta conseguenza di  residuali anomalie operative, casistiche non comuni, irrigidimento delle parti”.

Petrucci ha quindi  richiamato  le altre funzioni che il Corecom Lazio ha svolto:la gestione del Registro degli operatori di comunicazione; la vigilanza sui  sondaggi su carta stampata e, in particolare in occasione delle tornate elettorali, sui programmi di comunicazione e informazione politica,  il monitoraggio dell’emittenza televisiva locale volto a garantire   il  rispetto degli obblighi di programmazione in termini di pluralismo politico e sociale, garanzie dell'utenza, tutela dei minori, affollamento pubblicitario.

“A queste attivià caratteristiche – ha continuato poi  Petrucci –  il Corecom  ha affiancato  una intensa  attività di studio  e ricerca  per migliorare il servizio reso,  rafforzare le tutele  e svolgere con equilibrio le funzioni di vigilanza e di monitoraggio”.                                     Tra queste  la  campagna di “media education”  che, a partire da una ricerca sul cyber-bullismo nel Lazio  svolta dalle Università Sapienza e Lumsa,  ha permesso al  Corecom di svolgere,  numerosi  incontri  di formazione e informazione  cui hanno partecipato  ragazzi, docenti e genitori: durante gli incontri sono stati forniti in collaborazione con la  Polizia postale, strumenti e indicazioni per la navigazione responsabile in rete. “Un’iniziativa – ha aggiunto  Petrucci – che ha coinvolto oltre tremila ragazzi e che è stata ripetuta in numerose Parrocchie di Roma ”.

Tra le altre  iniziative  di studio, Petrucci ha poi citato “ le indagini su mercato e  consumi  di  telefonia nel Lazio, la ricerca sulla rappresentazione delle donne sui media locali, lo studio  sull’occupazione giornalistica nell’editoria radiotelevisiva regionale”.

Infine Petrucci ha ricordato alcune delle iniziative promosse con  Anci Lazio con cui è stata attivata una proficua collaborazione per l’apertura di “Punti Corecom” per l’assistenza ai cittadini; il concorso  per valorizzare le migliori campagne di comunicazione  per i servizi per la disabilità realizzate   dai comuni del Lazio;  il convegno che si svolgerà il 15 marzo a   Amatrice per   discutere di  “informazione locale come bene comune”.

Un appuntamento  che  costituirà l’occasione per la cerimonia di consegna del premio  “Raccontare per Ricostruire”, indetto  con Corecom Marche e Umbria, e destinato alle  emittenti regionali che meglio hanno raccontato la ricostruzione dei i territori colpiti dal sisma.

Iniziative dal valore simbolico  che, a conferma delle politiche  di responsabilità sociale adottate,  dal Comitato intendono anche accrescere nei cittadini la conoscenza del  Corecom Lazio “Per garantire tutele sempre maggiori – ha concluso Petrucci - occorre  che il rafforzamento dei servizi sia accompagnato  anche dall’attività di Comunicazione, affinché cresca nei cittadini la consapevolezza dei propri diritti e del ruolo che il Corecom svolge”.
Terminato l’intervento del Presidente Petrucci e il successivo   dibattito – presenti  i consiglieri Emiliano Minnucci e  Rodolfo Lena – il presidente della commissione, Davide Barillari, ha ringraziato per il lavoro svolto Petrucci e il comitato uscente presenti i componenti Domenico Campana e Alessandro Coloni affermando che  “I risultati si sono visti e sono stati apprezzati da tutti”.

Roma, 22 febbraio 2019

La notizia sul sito del Consiglio Regionale.

Scarica il comunicato

 

23

Lug 2021

Obbligo PEC per giornalisti

“Il Decreto legge 76/2020 ha introdotto delle sanzioni per gli iscritti agli albi professionali che non hanno ancora attivato o comunicato la PEC, ovvero la posta elettronica certificata Il Decreto prevede adesso che “qualora l’iscritto non comunichi il proprio indirizzo PEC al Consiglio dell’Ordine di appartenenza, quest’ultimo lo diffida ad adempiere entro trenta giorni al predetto obbligo....

08

Lug 2021

RAI E CORECOM LAZIO: FIRMATO IL PROTOCOLLO PER I PROGRAMMI DELL’ACCESSO

  È stato firmato oggi tra il CORECOM LAZIO, nella persona della Presidente Maria Cristina Cafini, e la RAI, rappresentata dal Chief Operations Officer Roberto Cecatto e dal Direttore della Radio Roberto Sergio, il Protocollo d’intesa per i programmi dell’accesso.  Un passo importante per semplificare e favorire la partecipazione dell’associazionismo, del...

18

Giu 2021

Convegno Le Fake News: La Rete tra Responsabilità e Libertà

Le Fake News: La Rete tra Responsabilità e Libertà Lunedi 21 giugno 2021 ore 17,30 online sulla pagina Facebook del Corecom Lazio

16

Giu 2021

Pubblicato il libro di Andrea Camponi

      Pubblicato il libro di Andrea Camponi La Garanzia del Pluralismo dell’Informazione nelle Istituzioni regionali. Il caso Lazio Dalla Commissione di Vigilanza al Testo Unico in materia di Informazione e Comunicazione il libro è scaricabile al link