preto

Il Co.Re.Com Lazio si unisce al dolore della famiglia e al rimpianto di Agcom per la prematura scomparsa del Commissario Antonio Preto.
CARDANI: “una grave perdita per l’Autorità e il mondo delle comunicazioni”. Antonio Preto, Commissario dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, è scomparso la notte scorsa a seguito di un male fulminante che lo ha strappato all’affetto dei cari. Nato cinquantuno anni fa a Valdagno, Preto ha cominciato giovanissimo la professione di avvocato, subito dopo la laurea a pieni voti in Giurisprudenza all’Università di Bologna. Dal 1992 fu Consigliere parlamentare del gruppo PPE a Strasburgo ricoprendo l’incarico di responsabile della Commissione giuridica e del Mercato interno e nel 2007 divenne amministratore principale presso il Segretariato Generale del Parlamento Europeo. In seguito venne nominato team leader per le Politiche Interne dell’UE nell’ufficio di gabinetto del Presidente Hans Gert Poettering, di cui divenne anche consigliere per gli affari giuridici e legislativi. Nel 2008 fu nominato capo di gabinetto del Vicepresidente della Commissione Europea, Antonio Tajani, e nel 2012 ricoprì l’incarico di Consigliere del Segretario Generale del Parlamento Europeo, Klaus Welle: nello stesso anno il Senato lo elesse commissario dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni.


“La scomparsa di Antonio Preto è una grave perdita per tutta l’Autorità e non solo. Pochi conoscevano il mondo delle telecomunicazioni e della concorrenza come lui, temi che aveva avuto modo di approfondire durante la sua lunga permanenza presso la Commissione europea - ha ricordato il Presidente di Agcom, Angelo Marcello Cardani -. Un giurista appassionato e lavoratore instancabile di cui resta indelebile nella mente il senso delle Istituzioni e la grande responsabilità per il ruolo, che ricopriva con lucidità e competenza. Il mio rimpianto, come quello dei Commissari Martusciello, Nicita e Posteraro, del Segretario Generale e dei dipendenti tutti, è profondo e accorato”.

Comunicato stampa

21

Giu 2017

Petrucci a Radiocolonna.it " Per le emittenti locali, l'unica strada per uscire dalla crisi è cogliere le opportunità del multimediale"

“In una regione composita, ma anche ricca di opportunità, bisogna essere in grado di cambiare linguaggi. Le TV locali devono diventare anche fornitrici di servizi" è quanto dichiarato dal Presidente del Corecom Petrucci a Radiocolonna.it (link http://www.radiocolonna.it/osservatorio-sulla-capitale/2017/06/15/antenne-a-mezzasta-nel-lazio/) 

15

Giu 2017

Aboliti gli extracosti delle tariffe per il roaming all'interno della UE

Da oggi i consumatori europei che viaggiano all’interno del territorio dei Paesi comunitari, possono comunicare senza più dover non sostenere  gli extra costi per le tariffe del roaming. Comunicato Ascolta l'intervista del Presidente Petrucci - Teleradiostereo

15

Giu 2017

Comunicare fiducia nell’Europa: il Corecom Lazio alla giornata sulla comunicazione del XIV Simposio Internazionale dei Docenti Universitari

Il Corecom Lazio parteciperà al seminario “Comunicare speranza e fiducia in Europa. Università e società in dialogo”, in programma il 23 giugno, nell'ambito del XIV Simposio Internazionale dei Docenti Universitari. Tre giorni di seminari e discussioni che, in occasione del 60°anniversario dei Trattati di Roma, sul tema: “La Terza missione delle Università, dei Centri di Ricerca...

01

Giu 2017

"Bene la nuova legge sul cyberbullismo. Il Corecom, intensificherà le iniziative di media education avviata da tre anni nel Lazio".

Intervista a Michele Petrucci, presidente Corecom Lazio per capire il significato della legge da poco approvata. Di Oriana Maerini Da pochi giorni è stata approvata la legge sul Cyberbullismo ma pochi sanno che nel Lazio esisteva già una  legge  regionale che, prima in Italia, grazie alla quale è stata messa in atto, già da tre anni, soprattutto nelle scuole. Per saperne di...