«Un tavolo di confronto nazionale sul tema dell'alfabetizzazione digitale» che coinvolga associazioni, professionisti, istituzioni, le scuole, le famiglie e i media. E un «impegno straordinario dei giornalisti a fornire una informazione rispettosa delle carte deontologiche», a garanzia della tutela dei minori e del diritto di tutti i cittadini ad essere informati, che prenda le mosse «da quel documento di fratellanza mediatica che è la Carta di Assisi sull'uso corretto delle parole». Queste le proposte lanciate dal presidente della Federazione nazionale della Stampa italiana, Giuseppe Giulietti, durante il seminario 'Media, privacy e tutela dei minori', promosso dal Corecom Lazio, in collaborazione con la Fnsi e l'associazione Articolo21, alla vigilia della Giornata internazionale per i diritti dell'infanzia e dell'adolescenza che si celebra il 20 novembre.

Con un focus particolare sull'uso del web e dell'esposizione dei più giovani ai contenuti veicolati dalle tecnologie della rete, «dove – ha aggiunto Giulietti – devono valere le stesse regole che valgono offline. E per far questo è fondamentale unire informazione corretta e formazione costante, elaborare tutti insieme un piano di alfabetizzazione ai nuovi strumenti da far viaggiare in parallelo al potenziamento del digitale. E in questo anche il servizio pubblico può avere un ruolo fondamentale».

Proposte accolte e rilanciate dai partecipanti all'iniziativa, in videoconferenza, fra cui la presidente Maria Cristina Cafini e la componente del Corecom Lazio, Iside Castagnola; Giovanni Parapini, direttore Rai per il Sociale; Guido Scorza del Garante per la privacy, Ivana Nasti dell'Agcom, Roberto Natale dell'associazione Articolo21, oltre alla viceministra all'Istruzione, Anna Ascani e alla consigliera della Regione Lazio, Michela Di Biase, che hanno aperto i lavori.

«I Corecom – ha ricordato la presidente Maria Cristina Cafini – sono chiamati ad assicurare proprio questo presidio della rete e il Corecom Lazio da sempre cura la formazione all'interno delle scuole della nostra regione. Inoltre, tra le varie iniziative programmate nell'anno scolastico, ha la partecipazione, unitamente a tutti i Comitati regionali, ad un progetto programmato da Agcom volto a favorire, soprattutto nelle nuove generazioni, lo sviluppo di un pensiero critico rispetto all'informazione che, negli ultimi anni, soprattutto a causa delle nuove piattaforme comunicative della rete, ha subito una forte riduzione dello spazio argomentativo e contro-argomentativo».

Per Iside Castagnola, «negli anni prezioso è stato il lavoro di media education svolto dal Corecom Lazio. I genitori e gli insegnanti incontrati durante le iniziative – ha spiegato – riconoscono la necessità di una più puntuale collaborazione tra la scuola e le famiglie nell'influire, preventivamente o in modo correttivo, sulla qualità dell'uso dei dispositivi digitali da parte dei minori, insegnando  loro il valore della privacy. Rispettare le regole e far sviluppare il senso di responsabilità è il senso profondo dell'insegnamento dell'educazione civica digitale. E noi, come istituzione li accompagneremo in questo percorso».

Castagnola ha anche ricordato che «in Procura di Roma sono aumentati del 22% i casi segnalati in materia di web e minori. L'infanzia – ha aggiunto – si tutela con provvedimenti concreti da parte delle istituzioni. Come Corecom Lazio abbiamo invitato la Rai a incrementare le lezioni di alfabetizzazione digitale nelle reti generaliste e poi l'autorità della Privacy nella persona del bravo Guido Scorza ad aderire assieme ad Agcom a campagne di media education per proteggere i nostri bambini dalle dipendenze e dalle insidie della rete».

23

Lug 2021

Obbligo PEC per giornalisti

“Il Decreto legge 76/2020 ha introdotto delle sanzioni per gli iscritti agli albi professionali che non hanno ancora attivato o comunicato la PEC, ovvero la posta elettronica certificata Il Decreto prevede adesso che “qualora l’iscritto non comunichi il proprio indirizzo PEC al Consiglio dell’Ordine di appartenenza, quest’ultimo lo diffida ad adempiere entro trenta giorni al predetto obbligo....

08

Lug 2021

RAI E CORECOM LAZIO: FIRMATO IL PROTOCOLLO PER I PROGRAMMI DELL’ACCESSO

  È stato firmato oggi tra il CORECOM LAZIO, nella persona della Presidente Maria Cristina Cafini, e la RAI, rappresentata dal Chief Operations Officer Roberto Cecatto e dal Direttore della Radio Roberto Sergio, il Protocollo d’intesa per i programmi dell’accesso.  Un passo importante per semplificare e favorire la partecipazione dell’associazionismo, del...

18

Giu 2021

Convegno Le Fake News: La Rete tra Responsabilità e Libertà

Le Fake News: La Rete tra Responsabilità e Libertà Lunedi 21 giugno 2021 ore 17,30 online sulla pagina Facebook del Corecom Lazio

16

Giu 2021

Pubblicato il libro di Andrea Camponi

      Pubblicato il libro di Andrea Camponi La Garanzia del Pluralismo dell’Informazione nelle Istituzioni regionali. Il caso Lazio Dalla Commissione di Vigilanza al Testo Unico in materia di Informazione e Comunicazione il libro è scaricabile al link